FANDOM


WtO Icon

Il Regno Oscuro di Giada, chiamato le Sorgenti Gialle dai suoi abitanti, è la regione dell'Oltretomba di pertinenza degli Wraith dell'Est asiatico, e uno dei Regni Oscuri più potenti, se non il più potente. Sin dalla sua fondazione è sotto il potere di Qin Shihuang, o meglio Yu Huang, l'Imperatore di Giada.

Geografia

Il territorio centrale delle Sorgenti Gialle corrisponde a quello dell'odierna Cina, anche se sarebbe più corretto dire che corrisponde a quello dell'antica Cina. La Necropoli capitale nelle Terre di Ombra sorge a Xi'an, nei pressi della capitale dell'Impero mortale fondato da Qin Shihuang e non distante dalla sua tomba. L'aspetto delle Necropoli cinesi è molto differente da quello occidentale: millenni di storia hanno fatto sì che pagode e mura antiche vadano per la maggiore. Solo negli ultimi venti anni ha iniziato a manifestarsi la rapida industrializzazione cinese.

Nei secoli l'Imperatore è riuscito a mettere sotto il suo dominio diverse nazioni, i Territori Conquistati, tra cui Mongolia, entrambe le Coree, Giappone, Malesia, Singapore, Vietnam, Thailandia e Cambogia, i cui cittadini sono di seconda classe rispetto a quelli cinesi. Grazie ad accordi con Stygia, in molte Necropoli si trovano enclavi sotto il controllo del Regno di Giada, e viceversa lo stesso avviene nelle Sorgenti Gialle.

La vera capitale del Regno è il Palazzo di Giada, uno sconfinato e sfarzoso complesso di oltre 251 palazzi immerso nella Tempesta e collegato direttamente a Xi'an tramite la Strada Imperiale. Qui si trova il Trono dell'Imperatore, che raramente lascia il Palazzo, oltre alle dimore dei suoi più fedeli sottoposti, aiutanti e sfortunati servitori.

Per torturare i dissidenti e produrre materia prima sotto forma di Giada Bianca, l'Imperatore fece costruire nella Tempesta Ti Yu, l'Inferno, che nei secoli è diventato una vera e propria cittadina. Sfruttando le credenze religiose del suo popolo, l'accesso dalle Terre di Ombra fu posto dentro la montagna di Feng-tu, dove alcuni buddisti cinesi, non particolarmente amati da Yu Huang, ritenevano fosse il mitologico ingresso all'Inferno.

Organizzazione

L'Imperatore è potente, ma non può ovviamente governare da solo. I poteri sono divisi tra quattro Dipartimenti, ciascuno indipendente l'un dall'altro e dalla stessa importanza.

  • I Protettori del Prosperoso Regno, gli occhi dell'Imperatore, responsabili della fedeltà del popolo al Regno che indagano ogni traccia di possibile tradimento.
  • I Giudici dei Morti, si occupano di far rispettare il bizantino codice di leggi del Regno (con variabile interpretazione personale).
  • L'Esercito Imperiale, il corpo di soldati professionali del Regno, gli unici che possono detenere legalmente armi. I soldati della Guardia Immortale sono un corpo d'elite indipendente dall'Esercito e fondamentale per la stabilità del Regno.
  • I Censori di Giada, gli esattori delle tasse, che decidono a chi spetta il possesso di anime e Reliquie.

Ognuno di questi Dipartimenti è sotto la guida di un Magistrato, che risiede nel Palazzo di Giada ed è la persona più importante politicamente subito dopo l'Imperatore.

Il regno è diviso in 34 province, ciascuna sotto il controllo di un Governatore e di un rappresentante per ciascuno dei quattro Dipartimenti. A sua volta ogni provincia è divisa in distretti e città maggiori, che a loro volta supervisionano città minori e villaggi. L'unità elementare della società è la famiglia, i cui membri sono solitamente legati da rapporti di sangue ma possono anche essere su base adottiva. È la famiglia che accoglie uno Wraith, gli spiega come funziona la sua nuova esistenza e gli dà un ruolo da rispettare. Ovviamente, il conflitto tra famiglie, e all'interno delle famiglie, è comune. Chi non fa parte di una famiglia ha vita breve o estremamente difficile.

L'esistenza di uno Wraith in uno dei Territori Conquistati è molto differente. La maggior parte di questi Wraith è subito catturata per essere trasformata in Giada, o per essere posta in schiavitù. In queste regioni le ribellioni sono all'ordine del giorno, e sono sorte diversi gruppi di Resistenza con lo scopo di fermare la dittatura dell'Imperatore.

Differenze con gli Wraith di Stygia

Al contrario degli Wraith occidentali, quelli delle Sorgenti Gialle non sono divisi tra Psiche e Ombra. Ogni Wraith di Giada ha un hun e un p’o. L'hun è l'analogo della Psiche, è la parte dell'anima che si interessa di tutto ciò che è spirituale, sia nel bene che nel male, ed è quella che si ritrova nelle Terre di Ombra. Il p'o è lontanamente analogo dell'Ombra, ed è la parte dell'anima animalistica, che si occupa di tutto ciò che è materiale.

Normalmente quando un umano muore, l'hun va nel regno degli spiriti e alla sua destinazione finale, mentre il p'o rimane a vegliare sul suo corpo. Un p'o disturbato, come quando un cadavere non è sepolto, diventa vendicativo e produce uno kuei, uno spirito affamato e privo di ragione. Se hun e p'o non sono separati, o se il corpo è sepolto con Giada (che impedisce la separazione), nelle Terre di Ombra nasce uno Wraith. Il p'o odia essere tutt'uno con l'hun, per cui, proprio come l'Ombra, cerca di liberarsi portando all'autodistruzione lo Wraith.

Alla morte lo Wraith ha di fronte a sè tre destini: il Paradiso (o P'eng Lai), le Terre di Ombra o l'Oblio. Nella tradizione cinese l'Oblio non è qualcosa da temere ma parte naturale dell'esistenza che porta alla reincarnazione in una nuova vita. Questo non cambia il fatto che molti Wraith ne abbiano comunque terrore.

Alcuni Arcanoi non sono popolari nelle Sorgenti Gialle, ma ne sono stati creati altri.

Storia

Pre 210 a.C.

Prima dell'avvento di Qin Shihuang, le Sorgenti Gialle erano come la Cina prima della riunificazione sotto la Dinastia Qin, un insieme di regni e piccoli imperi in costante lotta, in cui governava il più forte e restava in carica finché non veniva spodestato.

Dopo aver unificato la Cina sotto il suo volere, il primo imperatore Qin Shihuang la riformò completamente, instaurando una complessa e rigida burocrazia necessaria a mantenere il controllo su un territorio tanto sconfinato. Verso la fine della propria vita, l'Imperatore iniziò a temere la morte, e fece il possibile per ottenere il dono dell'immortalità, senza successo. Le voci della sua ricerca si diffusero, finché un gruppo di studiosi guidati da Fu Xia non giunse al suo cospetto.

Fu Xia non poteva promettere eterna vita all'Imperatore, ma gli spiegò come ottenere il potere che desiderava e aveva ottenuto in vita anche nell'aldilà. Insieme studiarono e prepararono il possibile affinché l'Imperatore avesse a disposizione tutto il possibile per vincere ogni resistenza al suo dominio anche da spirito. La sua arma segreta fu la costruzione di una tomba corredata di un esercito di terracotta ai piedi del monte Li. Quell'armata, i cui soldati erano spiriti in armatura leali solo all'Imperatore, avrebbe costituito la Guardia Immortale, da allora asso nella manica del Regno. Dopo cinque anni di preparazioni, nel 210 a.C. Qin Shihuang morì soddisfatto.

Conquista della Cina

Armato di Reliquie, artefatti di giada e con la Guardia Immortale al suo fianco, in circa un anno Qin Shihuang sottomise quasi tutta la Cina. Rimpolpando il proprio esercito con Wraith arresisisi al suo volere, e con i nuovi arrivi dovuti alle ribellioni al regno mortale di suo figlio, trovò come unica resistenza il generale Li K'un.

Per impedire l'avanzata dell'Imperatore, il generale si alleò con un Malfean di nome Lung Wang dall'aspetto di un grande drago bianco. Il loro primo incontro, sulla Grande Muraglia, si risolse con una sconfitta e fuga del Malfean grazie al potente scettro di giada Ju-i dell'Imperatore. Questo incontro portò Qin Shihuang a curiosare sulla Tempesta, per ora lontana dalle sue possibilità, finché un'anziana donna non gli porse il suo aiuto, per poi rivelarsi come Lung Wang mascherato.

La storia ufficiale narra che l'Imperatore sia uscito vittorioso da quell'incontro, ma secondo le dicerie qualcosa in lui era diverso, era diventato un vero Signore dei Morti. Ormai era Yu Huang, l'Imperatore di Giada, il più grande degli dei. Quello che aveva imparato nella Tempesta gli avrebbe permesso di costruire un enorme palazzo nella Tempesta, il Palazzo d Giada.

Espansione

Nel 300 d.C. la costruzione del Palazzo era terminata, ma aveva prosciugato le scorte di anime del Regno. Per risolvere il problema, l'Imperatore decise di tassare aspramente il popolo, inviando alle fucine migliaia di anime. Il risultato fu che un'armata di ribelli cercò di spodestare l'Imperatore, fallendo miseramente.

Quella che divenne la "Prima Grande Rivolta" fece arrivare Yu Huang alla conclusione che per mantenere in pace la Cina avrebbe dovuto cercare anime e schiavi altrove. Prima conquistò Mongolia e Corea e, dopo oltre cento anni di battaglie, anche il Giappone cadde.

Mentre l'Impero si espandeva, in Cina continuavano ad alternarsi fase di pace e ribellione. La Seconda Grande Rivolta venne dai Buddisti, che portarono in questo modo alla creazione dell'Inferno, la Terza originò da rappresentanti dei Territori Conquistati.

Tempi recenti

Dal diciottesimo secolo in poi ci furono una serie di schermaglie, piccole guerre e rappresaglie tra Stygia e il Regno di Giada. Di queste la più importante fu l'aiuto che il Regno di Ferro prestò al Giappone occupato che, sfruttando la Seconda Guerra Mondiale e le bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki, riuscì finalmente a tornare indipendente. Il Giappone era un territorio fondamentale, e la furia dell'Imperatore fu terribile.

Il regno indipendente del Giappone durò solo per una manciata di decadi. L'Imperatore stesso marciò sulle Terre di Ombra del Giappone, dove fu sfidato in onorevole duello da Oda Nobunaga: il vincitore avrebbe avuto il Giappone. Il primo fendente di Nobunaga tranciò Yu Huang in due. Dal suo corpo uscì un grande drago bianco, che divorò il generale giapponese ponendo fine alla guerra.

Con tutto l'Est asiatico nuovamente parte del Regno, l'Imperatore è finalmente soddisfatto, ma non completamente. Il Regno di Ferro è stato una spina nel suo fianco per più di un secolo e tra ribellioni e scarsità di materie prime l'unica cosa rimasta da fare è espandersi a Ovest.

Il Sesto Grande Maelstrom

La preparazione per la guerra contro il Regno di Ferro durò decenni. Nel 1999, l'Imperatore diede il via alle danze, attaccando le principali Necropoli occidentali direttamente attraverso la Tempesta potendo contare sul sostegno del traditore Signore Sorridente. Le armate del signore della Legione Cupa erano state disposte in gran parte sul confine tra Asia ed Europa, indebolendo in questo modo i centri del potere che sarebbero stati i veri bersagli dell'Imperatore, e in parte erano in battaglia contro le forze della città di Enoch.

La campagna venne interrotta molto rapidamente da Maelstrom provenienti dalla Tempesta. Il primo fu dovuto alle azioni del Signore Sorridente, che usò una testata nucleare come arma finale contro Enoch. Il secondo fu una conseguenza del primo: l'Ingegnere del Vuoto Xerxes Jones si trovava proprio in quel momento vicino alla bocca dell'Oblio portando nella sua navicella un'altra testata nucleare per un folle esperimento. Quando la prima bomba fu sganciata, gli effetti sulla Tempesta fecero attivare la seconda a poche miglia dalla bocca dell'Oblio. La combinazione delle due deflagrazioni e la loro vicinanza all'Oblio diederero vita al Sesto Grande Maelstrom.

Gran parte dei soldati dell'Impero di Giada furono spazzati subito via dalla tempesta, e alcuni dei sopravvissuti rimasero intrappolati nelle Necropoli occidentali senza via di uscita. La campagna d'invasione contro quello che era il Regno di Ferro fu quindi per il momento interrotta. Nel frattempo, a causa del caos dovuto al Sesto Grande Maelstrom nuove ribellioni scoppiarono nei Territori Conquistati, portando l'attenzione dell'Imperatore e del suo esercito verso casa.

Fonti